EABlog

Gli eCommerce nel 2020: i trends tra tecnologia e sicurezza
21 Gen, 2020
eCommerce trends

A cosa bisogna puntare per costruire un eCommerce al passo con gli utenti?

I primi 20 anni del secondo millennio sono stati come un’esplosione di una supernova per quel che riguarda la tecnologia.

Due stravolgimenti su tutti: social network e smartphone.

Rivoluzioni rapide e intense, in grado di provocare un impatto profondo in ogni minimo aspetto della società. 

Siamo cambiati. È cambiato il nostro modo di pensare, di comportarci, di lavorare.
Di vendere e comprare.

Hanno fatto la loro comparsa gli eCommerce, che grazie alla volata di questi anni registreranno nel 2021 la sbalorditiva cifra di 4.500 miliardi di dollari di vendite.
È ormai chiaro: il futuro del settore retail sta nella digitalizzazione e nello shopping online.

Alla soglia del 2020, quali cambiamenti ci dobbiamo aspettare per il commercio online?

Realtà virtuale e aumentata accompagneranno ogni prodotto

Secondo uno studio Gartner, entro il 2020, 100 milioni di consumatori useranno queste tecnologie per i loro acquisiti online e in negozio.

I clienti potranno prendere decisioni di acquisto migliori grazie alla possibilità di “provare” ogni prodotto direttamente come fosse nell’ambiente desiderato. Basti immaginare con che comodità sarà possibile decidere l’arredamento di casa.

L’intelligenza artificiale creerà esperienze iper personalizzate

Grazie ad appositi software di raccolta dati che saranno in grado di riconoscere immediatamente il cliente che torna sul negozio online e agli assistenti virtuali, l’esperienza di acquisto sarà a misura di utente. Le offerte saranno così personalizzate che il consumatore riceverà le proposte di ciò che ha bisogno prima ancora che lui lo sappia.

Non solo offerte, gli utenti saranno in grado di personalizzare i prodotti stessi sulla base delle preferenze, grazie ad un totale coinvolgimento virtuale nello sviluppo.

Multicanalità delle offerte: Social Shopping

Il commercio online è oggi strettamente connesso alle piattaforme social, sia per quanto riguarda la pubblicità sia per il meccanismo della condivisione.

Quasi il 90% dei consumatori di eCommerce fa affidamento ai social per prendere decisioni di acquisto.

Ci si muoverà quindi sull’ideazione di strategie di vendita ad hoc a seconda dei canali sui quali si pubblica l’offerta e i collegamenti tra prodotti e piattaforme saranno sempre più stretti.

Sviluppo del Voice Commerce

Gli eCommerce nel 2020 dovranno adattare le loro logiche all’introduzione di software che permettano la ricerca vocale.
ComScore prevede che entro il 2020, il 50% di tutte le ricerche online verrà eseguito con la ricerca vocale.
Basti pensare alla crescita nell’uso di dispositivi come Siri, Alexa, Google Now ed i Chat Bot.

Sempre più consumatori utilizzeranno l’assistente vocale per navigare sull’eCommerce, anziché recarsi in un negozio fisico.
Sarà quindi importante per gli operatori eCommerce iniziare a integrare la ricerca vocale come parte della propria strategia di marketing.

Mobile First

Oggi gli utenti moderni si informano, cercano prodotti e li comprano direttamente da smartphone.
I dati di ComScore parlano chiaro: il Mobile Commerce sta crescendo 3 volte di più rispetto allo shopping da desktop. Questa tendenza si consoliderà sempre di più e chiunque abbia uno shop online, per stare al passo, deve iniziare a ragionare “Mobile First”

Influencer Marketing

Il 70% dei millennials prende nota dei consigli degli influencer quando fa acquisti online.

Quella dell’Influencer Marketing è una tendenza in ascesa: è cambiato il modo di fare pubblicità e affidarsi a questo nuovo tipo di Marketing può avere ritorni molto alti in fatturato.

Sempre più dati: maggiore necessità di sicurezza

Più si stringe il legame tra commercio e tecnologia, più si parla di personalizzazione delle esperienze, più si sentirà parlare di dati personali e dei rischi legati a loro utilizzo.

La sicurezza informatica continuerà ad essere un investimento fondamentale per garantire un’esperienza di acquisto all’altezza della fiducia degli utenti, lontana dai data breach e dalle multe che ne conseguono.

Nel 2020 infatti, il panorama delle minacce sarà sempre più vasto, sia in termine di volume che in termini di complessità per adattarsi alle nuove evoluzioni.

I ricercatori di IHS Markit prevedono che nel 2020 saranno in uso fino a 30,7 miliardi di dispositivi IoT, che dovrebbero passare a 75 miliardi entro il 2025: questa esplosione di dispositivi connessi non farà che allargare le superfici di attacco dei criminali informatici.

 

Nel 2019 il numero di violazioni informatiche è aumentato del 54% e il numero di record esposti è aumentato del 52%.
Man mano che emergono nuove tecnologia, più si espongono nuovi punti di vulnerabilità.

 

Il proliferare di negozi online porterà con sé un aumento delle truffe di phishing: link malevoli che puntano a pagine web secondarie, in grado di sottrarre dati di pagamento e informazioni personali degli utenti.

Di fronte a tali minacce, in pochi stanno mettendo in atto la ormai necessaria “Zero Trust”: un’infrastruttura che consenta di monitorare l’accesso a chiunque tenti di connettersi ai propri sistemi.

Non solo.  A causa della complessità sempre maggiore degli attacchi e della loro frequenza, ogni eCommerce dovrebbe dotarsi di sistemi complessi di cifratura dei dati in ingresso, in modo da rendere inutilizzabili i dati anche in caso di attacco riuscito.

Per scoprire come è possibile cifrare tutti i dati e proteggere il proprio eCommerce in modo completo, senza alterare l’esperienza utente e quella del gestore, clicca qui.

Cifra tutti i moduli del tuo sito

Proteggi la privacy dei tuoi clienti e ottieni sicurezza

Dai uno sguardo agli altri articoli